Ultime dal condominio

Una nuova area interamente dedicata a tutte le notizie, le circolari, le curiosità che riguardano il mondo condominiale

01-04-2019

Imperia: impianti termici, il sindaco Scajola firma l’autorizzazione per l’accensione sino al 10 aprile

Il sindaco Claudio Scajola ha firmato l’ordinanza che autorizza l’accensione degli impianti termici da oggi, 1° aprile, fino al 10 aprile compreso

Il sindaco di Imperia, Claudio Scajola, ha firmato l’ordinanza che autorizza l’accensione degli impianti termici da oggi, 1° aprile, fino al 10 aprile compreso, negli edifici pubblici e privati, fino ad un massimo di 5 ore al giorno, liberamente articolabili nell’arco della giornata.



Leggi Articolo completo su ImperiaPost del 01/04/2019

termosifoni

22-02-2019

Differenziata, appello dei gestori condominiali

Incontro in Comune mercoledì sera fra gli amministratori di immobili, responsabili di Teknoservice e Amministratori comunali, per affrontare i problemi connessi alla raccolta dei rifiuti porta a porta
Gli amministratori di condomini hanno consegnato al sindaco di Imperia e ai responsabili della ditta una lettera nella quale chiedono alle parti in causa di assumersi le loro responsabilità per quanto attiene il servizio e i problemi ad esso connessi.
Gli amministratori condominiali invitano Comune e Teknoservice a mappare le casistiche ormai note, in maniera decisamente più scrupolosa.



Leggi Articolo completo della Stampa del 22/02/2019

mappa

21-02-2019

Lettera degli amministratori di condominio di Imperia consegnata al sindaco

Ill.mo Sindaco
Gent.mi responsabili della Tecknoservice
Preg.mi Assessori Comunali

I sottoscritti Amministratori immobiliari della città di Imperia, al solo fine di prestare la più corretta e trasparente collaborazione a codesta pubblica amministrazione, hanno preferito evitare inutili dibattiti e discussioni infruttifere, e conferire, attraverso la sottoscritta portavoce, il pensiero univoco della categoria, ed il primo resoconto dopo i primi 20 giorni iniziali.
Senza alcun tono polemico e senza che ciò determini motivi di contrasto, ci pare più che evidente che l’avvio del servizio di “porta a porta” sia stato introdotto senza alcuna puntuale organizzazione, sia nella determinazione della logistica, sia nella valutazione degli strumenti e soprattutto senza la più adeguata conoscenza sia da parte dei cittadini, che dei responsabili addetti e di conseguenza neppure del nostro improvviso coinvolgimento responsabilizzato.
E di tutto questo vuoto organizzativo i principali soggetti a pagarne le conseguenze sono stati i cittadini. Ma procediamo con ordine. La nostra preliminare richiesta di concessione di un’adeguata proroga sull’entrata in vigore del servizio, diventata poi richiesta anche di altri, come appare quotidianamente dalla lettura di giornali ed articoli presenti in rete, avrebbe concesso a tutti gli operatori del settore di preparare e predisporre al meglio, sia la divulgazione della conoscenza del servizio sia la doverosa istruzione alla cittadinanza che, ancora oggi, manifesta evidente ignoranza nel deposito di materiali sopra ed intorno alle ancora presenti isole ecologiche.
Non si tratta infatti di “semplicemente di correggere il tiro”, ma, bensì, di introdurre importanti e significativi cambiamenti al metodo ed agli strumenti, sia materiali che organizzativi, avendo il nostro territorio particolarità ed atipicità non gestibili in maniera “standard”.

SCARICA LA LETTERA COMPLETA

02-02-2019

Differenziata porta a porta ad Imperia, avvio al rallentatore

Ieri la partenza, vecchi cassonetti ancora stracolmi, rimossi da lunedì.
Numerosi commercianti non hanno ancora ricevuto i contenitori.

In molte strade del capoluogo i "vecchi" cassonetti ci sono ancora e rappresentano una sorta di proroga tacita. Gli imperiesi non si sono fatti sfuggire l'occasione, col risultato che ieri mattina i cassonetti tradizionali traboccavano di ogni sorta di immondizia.
Ieri pomeriggio in Comune si è tenuta una riunione fra il primo cittadino e i responsabili Teknoservice per analizzare le questioni emerse nella prima giornata di porta a porta.
L'invito agli imperiesi e` di segnalare eventuali criticita` al fine di permettere la messa a punto del servizio.


differenziata

01-02-2019

Oggi scatta il D-Day del porta a porta tra dubbi e incertette

Circa il 70 per cento degli imperiesi ha ritirato il kit, ieri lunghe code agli infopoint.
Per ora non spariranno i bidoni sulle strade, previsto un periodo di tolleranza

Debutta oggi il porta a porta. La rivoluzione nel sistema di raccolta differenziata del comune di Imperia. Per il sindaco Scajola la data stabilita doveva esseer rispettata a tutti i costi; le associazioni di categoria e gli amministratori di condominio hanno invece fino all'ultimo sperato in uno slittamento di qualche settimana.
Attualmente circa il 70 per cento degli imperiesi si è recato agli infopoint per il ritiro del kit, i due infopoint rimarranno comunque aperti fino al 28 febbraio.
L'obiettivo è arrivare al 65 % di raccolta differenziata entro il 2019 (si parte da un 37%).


dday